Come raddrizzare i denti storti con un apparecchio dentale invisibile

Hai i denti storti e hai sempre sognato di raddrizzarli senza portare vistosi apparecchi dentali?
Sai che oggi è possibile farlo con un apparecchio invisibile per denti storti?
Come? Te lo spiega la nostra Rossana Zini in questo articolo.

Apparecchio invisibile per denti storti: gli allineatori trasparenti cosa sono e come funzionano

Oggi è possibile allineare correttamente gli elementi dentali mediante “allineatori trasparenti”!

Si tratta di una tecnica ortodontica che consente di ottenere in molti casi gli stessi spostamenti dentali del tradizionale “apparecchio con le piastrine” mediante una serie di mascherine trasparenti da indossare in sequenza.

La tecnologia degli allineatori trasparenti rappresenta un cambiamento rivoluzionario in ortodonzia.

I principi alla base dello spostamento dentale (concetti di biologia ossea, biomeccanica, ancoraggio e occlusione) sono rimasti invariati ma vengono ora applicati a questa tecnica in continua evoluzione.

Infatti, gli allineatori trasparenti si sono già evoluti da quando sono stati lanciati sul mercato nel 1999 e rappresentano apparecchi ortodontici completi, in grado di trattare una vasta gamma di malocclusioni (rapporti dentali e/o delle basi ossee alterate).

Questa tecnica ha due importanti vantaggi rispetto all’apparecchio classico con le piastrine: l’estetica e l’estrema facilità nella pulizia dentale (ci si toglie la mascherina per pulirsi i denti).

Si tratta di mascherine trasparenti che non si vedono a una normale distanza interpersonale e su alcuni denti (in base ai movimenti dentali da compiere) vengono incollate delle piccole palline di composito (materiale che si usa per le ricostruzioni dentali) dello stesso colore dei denti (si tratta degli “attachments”).

Poiché le mascherine sono “invisibili” (in inglese “invisible”) e servono per allineare i denti (in inglese “align”) la principale e più utilizzata tecnica si chiama “INVISALIGN”.

Questa tecnica è nata dalla collaborazione tra ingegneri dei materiali e diversi ortodontisti: la mascherina, realizzata con un materiale di recente sviluppo che ha proprietà fisiche avanzate, contattando il dente in alcuni punti e frizionando sugli “attachment” produce spostamenti dentali predefiniti.

Si tratta di una tecnica validata e con casistiche pluriennali, che può essere realizzata solo da specialisti in ortodonzia adeguatamente formati e con la licenza di “Invisalign provider”.

Fasi per spostare i denti con mascherine trasparenti (Invisalign)

apparecchio invisibile per denti storti invisalign

Come ogni altro trattamento ortodontico si parte da impronte delle arcate dentarie (ottiche o in un materiale apposta), foto e lastre necessarie per lo studio del caso (panoramica e teleradiografia latero-laterale).

Una volta studiato il caso l’ortodontista presenta il piano di trattamento spiegando quali sono gli spostamenti necessari per il raggiungimento del risultato finale, tempi e costi.

Con Invisalign è possibile anche mostrare al paziente una pre-visualizzazione del risultato finale, ossia far vedere al paziente su uno schermo i vari spostamenti a cui andranno incontro i suoi denti e il caso ultimato con i denti correttamente allineati.

Appena il paziente decide di procedere con Invisalign, l’ortodontista invia all’azienda che fabbrica le mascherine trasparenti la scansione delle impronte, le fotografie e le radiografie assieme alle istruzioni iniziali.

Il processo di produzione inizia quando la scansione intraorale è elaborata per creare un accurato modello tridimensionale delle arcate dentarie.

Su tale modello digitale viene impostato lo spostamento dentale necessario a un corretto allineamento seguendo le istruzioni del medico, il quale revisiona e controlla gli spostamenti stessi.

Quando l’ortodontista è soddisfatto della serie degli allineatori che ha pianificato, il laboratorio di produzione realizza il set di mascherine trasparenti e le invia al medico stesso.

L’ortodontista consegna le prime 2/3 mascherine al paziente da usare in sequenza, poi solitamente richiama il paziente ogni mese per controllare che gli spostamenti dentali ottenuti fino a quel momento coincidano con quelli pianificati su modello 3d e per consegnare le mascherine successive.

Ogni mascherina va indossata per 10-15 giorni per 22 ore al giorno (togliendola solo per mangiare e lavarsi denti), poi si passa alla mascherina seguente in modo da ottenere spostamenti dentali progressivi.

Ci sono diverse mascherine da indossare in sequenza al fine di ottenere il risultato finale.

Generalmente, in base agli spostamenti che si vogliono ottenere, vengono incollate su alcuni denti delle piccole palline di composito (materiale che si usa per le ricostruzioni dentali) dello stesso colore dei denti: si tratta dei cosiddetti “attachments”.

La mascherina trasparente frizionando sulle ritenzioni degli attachment è in grado di produrre gli spostamenti dentali voluti.

In alcuni casi può essere inoltre necessario utilizzare degli accessori (elastici, bottoni ecc) adesi alle arcate superiori e inferiori al fine di ottenere una correzione dentale ottimale.

Concludendo, ora sai che esiste la possibilità di utilizzare un apparecchio invisibile per raddrizzare i denti storti e come viene studiato e verificato tutto il procedimento per personalizzare il trattamento.

Se hai domande o vuoi un consiglio personalizzato, non esitare a contattarci.

 

Dott.ssa Rossana Zini

Bibliografia

Per la realizzazione di questo articolo si sono consultati i seguenti libri di testo:

  • ALLINEATORI TRASPARENTI: biomeccanica e gestione clinica, Sandra Tai, BDS, MS, Quintessence.
  • Ortodonzia moderna, William Proffit, sesta edizione, EDRA.

© riproduzione riservata

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email

Prenota oggi il tuo appuntamento a Modena