Come scegliere lo spazzolino elettrico

Lo spazzolino elettrico è un prezioso alleato per la nostra pulizia orale, quindi, conoscere i benefici del suo utilizzo e sapere scegliere quello più adatto alle nostre esigenze è fondamentale. In quest’articolo, ti diamo alcuni consigli per farlo e ti spieghiamo perché è fondamentale preferirlo.

Quando negli anni ’30 vennero inventati i primi spazzolini con setole in nylon, non c’era troppa scelta su quale modello acquistare.
Oggi, invece, fin troppa.

Spazzolino elettrico vs spazzolino manuale

Lo spazzolino elettrico è indubbiamente migliore dello spazzolino manuale nel raggiungimento di un’ottima igiene orale, tanto che numerosi dentisti e igienisti dentali lo consigliano ai propri pazienti.

Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e il Ministero della Salute hanno stilato delle linee guida sul ruolo fondamentale dello spazzolino elettrico nel prevenire alcune delle più comuni patologie orali, quali carie, gengivite e parodontite.
Questo, infatti, permette di raggiungere anche le zone più profonde della nostra bocca riducendo al minimo i movimenti della nostra mano.

Il corretto movimento dello spazzolino manuale risulta infatti particolarmente difficile da eseguire per garantire una corretta igiene di denti e gengive. L’utilizzo di quello elettrico invece è più facile, poiché è sufficiente appoggiare la testina dello spazzolino sulla superficie che si vuole pulire senza muoverlo.

Come fare per scegliere lo spazzolino elettrico più adatto alla propria bocca e alle proprie esigenze?

Ecco una breve guida sulle 3 caratteristiche che non possono assolutamente mancare:

  1. La testina.
    Tralasciando al momento le varie funzioni che può avere correlate anche al modello scelto, è bene scegliere sempre una testina tonda tutta di setole (senza inserti in gomma/plastica, che sono poco igienici) perché si adatta meglio alla superficie dentale che si vuole pulire.
  2. Il sensore di pressione.
    In quasi tutti i modelli presenti sul mercato oggi, fra la testina e il corpo dello spazzolino, è presente un sensore di pressione in grado di avvisare il paziente quando preme troppo la testina su denti e gengive con l’accensione di una luce generalmente rossa o segnale acustico. Questo impedisce la formazioni di pericolose recessioni gengivali.
  3. Le funzioni.
    In base alle tue esigenze, gli spazzolini elettrici sono dotati di diverse funzioni, in grado di offrirti diversi benefici. In base anche al modello scelto, possono essere presenti una o più delle seguenti:
  • Il programma “pulizia quotidiana” ti aiuterà nella rimozione quotidiana della placca;
  • La funzione “protezione gengive” ti assicurerà un’ottima igiene senza danneggiare le gengive;
  • L’opzione “pulizia lingua” serve per prevenire l’alitosi;
  • “Sbiancamento”, invece, per favorire un sorriso luminoso.

Concludendo, lo spazzolino elettrico risulta superiore nella rimozione della placca batterica rispetto allo spazzolino manuale.
Per scegliere quello più adatto alle proprie necessità, è bene interfacciarsi sempre con il proprio igienista dentale di fiducia.

Per questo, siamo a tua completa disposizione!

© riproduzione riservata

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email

Prenota oggi il tuo appuntamento a Modena

Scroll Up