aminobifosfonati

Bifosfonati3

ASSUMI O HAI ASSUNTO AMINOBIFOSFONATI (farmaci per il trattamento dell’osteoporosi e di alcuni tumori)?

ECCO COME PREVENIRE L’OSTEONECROSI DEI MASCELLARI!

L’osteoporosi è una malattia caratterizzata dalla perdita di massa ossea,ed è molto comune nelle donne dopo la menopausa. I Bifosfonati sono farmaci che inibiscono il riassorbimento osseo, per questo motivo sono ampiamente utilizzati nella prevenzione e nel trattamento dell’osteoporosi. Tali farmaci sono anche usati nella terapia di alcuni tumori.

La Società Americana di Chirurgia Maxillofacciale e la Società Italiana di Patologia e Medicina Orale sostengono che è necessario porre particolare attenzione alla cura di denti e gengive, soprattutto se si sono assunti o se si stanno assumendo farmaci bifosfonati (vedi tabella), poiché questi farmaci possono causare effetti indesiderati a carico della bocca, tra cui l’OSTEONECROSI DELLE OSSA MASCELLARI.

Tale complicanza può:

Presentarsi spontaneamente;

 Comparire in seguito a interventi odontoiatrici invasivi (es. estrazioni dei denti),

 Rimanere asintomatica (per settimane, mesi o anni) 

presentarsi con DOLORE e/o ESPOSIZIONE OSSEA e/o GONFIORE mandibolare/mascellare.

Per questi motivi è molto importante che chi assume tali farmaci si rechi dal dentista per una visita odontostomatologica, al fine di valutare lo stato di salute della bocca (anche se si hanno pochi o nessun dente e/o se si è portatori di protesi mobile/fissa parziale o totale). Occorre inoltre comunicare al dentista che si stanno assumendo tali farmaci o che si sono assunti in passato.

Di seguito riportiamo indicazioni su come prevenire l’osteonecrosi tratte dalla Società Italiana di Patologia e Medicina Orale.

FARMACI ASSOCIATI AL RISCHIO DI OSTEONECROSI DELLE OSSA MASCELLARI

COME PREVENIRE L’OSTEONECROSI..

SE SI STANNO ASSUMENDO O SI SONO ASSUNTI IN PASSATO I BIFOSFONATI

bifosfonati

1 – Effettuare una radiografia panoramica delle arcate dentarie e una visita di controllo dal dentista, per assicurarsi non ci siano problemi in bocca, comunicando se si stanno assumendo o si sono assunti aminobifosfonati

Bifosfonati2

2 – Se il dentista ritiene opportuno fare delle estrazioni dentarie, dovrebbe essere presa in considerazione la possibilità di sospendere la cura con i farmaci, dopo il nulla osta del medico prescrittore

Bifosfonati3

3 – Fare un’igiene orale professionale e chiedere al dentista spiegazioni riguardo alla tecnica di pulizia dei denti da effettuare a casa (come usare spazzolino, filo interdentale ed igiene della lingua)

4 – Tutti i trattamenti odontoiatrici che non coinvolgono direttamente il tessuto osseo (otturazioni, devitalizzazioni, trattamenti protesici…) possono essere eseguiti dal dentista.

COME PREVENIRE L’OSTEONECROSI..

SE NON HAI ANCORA ASSUNTO I FARMACI IN TABELLA

bifosfonati

1 – Effettuare una radiografia panoramica delle arcate dentarie e una visita di controllo dal dentista, per assicurarsi non ci siano problemi in bocca, comunicando che si dovrà iniziare una cura con aminobifosfonati

Bifosfonati5

2 – Se il dentista ritiene opportuno fare delle estrazioni dentarie, la terapia con i farmaci dovrebbe essere intrapresa a guarigione avvenuta del sito post-estrattivo (circa 3 settimane dopo l’estrazione)

Bifosfonati3

3 – Fare un’igiene orale professionale e chiedere al dentista spiegazioni riguardo alla tecnica di pulizia dei denti da effettuare a casa (come usare spazzolino, filo interdentale ed igiene della lingua)

4 – Tutti i trattamenti odontoiatrici che non coinvolgono direttamente il tessuto osseo (otturazioni, devitalizzazioni, trattamenti protesici…) possono essere eseguiti dal dentista anche dopo l’inizio del trattamento con bifosfonati.

FARMACI ASSOCIATI AL RISCHIO DI OSTEONECROSI DELLE OSSA MASCELLARI

Dott.ssa Erica Campolongo

© riproduzione riservata

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su email
Scroll Up