IMPIANTO DENTALE; QUANTO DURA?

La moderna implantologia è una tecnica chirurgica sicura ed altamente prevedibile è quindi sempre più attuale e lecita la domanda da parte dei pazienti “quanto durano gli impianti?”

La domanda, apparentemente semplice, pone però diversi interrogativi:

La durata può riguardare l’impianto stesso (cioè il cilindro di titanio inserito nel’osso).

Oppure il fatto che il predetto impianto resti inserito nel’osso per un tempo il più lungo possibile.

Le rotture degli impianti sono molto rare, quindi molte aziende li garantiscono a vita.

Per quanto riguarda invece il secondo punto, ovvero impianto saldamente ancorato all’osso, esistono troppe variabili che potrebbero condizionare la durata dello stesso; in particolare la costante perdita d’osso che si verifica a causa dell’accumulo di batteri a livello della giunzione impianto – protesi (da letteratura scientifica).

Quindi condizione fondamentale affinché gli impianti possano “durare” è una igiene scrupolosa, cioè rimuovere l’accumulo di placca batterica attorno all’impianto, operazione che deve essere eseguita sia a livello domiciliare sia professionale (da una igienista). Ovviamente rivestono altrettanta importanza una accuratezza della fase chirurgica e protesica

Nel nostro studio, per ovviare a questi inconvenienti, utilizziamo impianti dell’azienda Physioplant, caratterizzati dalla presenza di una guarnizione a livello della connessione implanto-protesica, (il resiliente) che impedisce il passaggio dei batteri garantendo quindi il mantenimento dell’osso.

Inoltre le fasi chirurgiche sono gestite attraverso la metodica protesicamente guidata “fast guide” cioè implantologia computer-guidata.

Quindi, la risposta alla domanda “quanto durano gli impianti?”

Nel nostro ambulatorio studio Zini e Associati è molto semplice, non c’è limite…

Ovviamente a patto di eseguire i periodici richiamo d’igiene.

 

© riproduzione riservata