ÖTZI L’UOMO VENUTO DAL GHIACCIO AVEVA LE CARIE

otzi

Ötzi l’uomo primitivo vissuto cinquemila anni fa ritrovato nei ghiacci ed ora in un museo a Bolzano tra i tanti problemi soffriva anche di carie.

A stabilirlo un gruppo di medici ricercatori dell’Università di Zurigo che attraverso una Tac hanno studiato il corpo di Ötzi individuando una dentatura pessima a causa della sua alimentazione, zuppa di cereali e pane. La Tac ha potuto constatare che Ötzi aveva un alto numero di patologie del cavo orale e problemi ai denti come carie ed una profonda abrasione dei denti. I denti diatorici erano affetti da parodontite.
La Tac ha evidenziato anche un trauma a uno dei suoi denti anteriori. E ci mancherebbe se non l’avesse avuto visto che per il povero Ötzi gli incisivi erano dei veri e propri utensili.

Ötzi, vissuto 5.300 anni fa quando è morto, forse ucciso, aveva 46 anni.Frank Rühli, dell’Università di Zurigo, ha recentemente esaminato la dentatura della mummia.Grazie alla ricostruzione 3D ha stabilito che Ötzi ha una lesione da corpo contundente a due denti, causata probabilmente da un colpo ricevuto alcuni giorni prima della morte. Inoltre soffriva di carie e di una malattia parodontale. Alcuni anni fa un’analisi condotta da Wolfgang Müller, dell’Università di Canberra, ricostruì gli spostamenti di Ötzi.
Ciascuno di noi, fin dalla prima infanzia, accumula nel proprio smalto dentario isotopi di stronzio, piombo e ossigeno. Confrontando la loro concentrazione con quella di campioni di suolo e acqua, si può risalire con precisione al luogo in cui una persona è vissuta. Ötzi trascorse l’infanzia in Sudtirolo.

© riproduzione riservata

No Comments

Post A Comment